Progetti

L’offerta formativa dell’Istituto intende proporre un’ampia progettualità, in cui trovano spazio i principali elementi di innovazione che caratterizzano le scelte organizzative e didattiche della scuola.

In particolare, in riferimento alle attività previste nel Piano di Miglioramento, vengono proposti percorsi di ricerca-azione, finalizzati prioritariamente a garantire il successo formativo degli studenti tramite l’adozione, da parte dei docenti, di strategie didattiche atte a valorizzare le competenze dei singoli alunni e a favorire l’inclusione di tutti nel rispetto dei tempi e dei modi di studio di ogni allievo. La progettazione d’Istituto, infatti, intende favorire l’acquisizione da parte degli alunni delle competenze trasversali necessarie per affrontare in maniera consapevole le esperienze di vita e per orientarsi in modo critico nella realtà e delinea i percorsi educativi ed organizzativi che la scuola intende attivare per migliorare gli esiti formativi di alunni e studenti.

DIRITTO ALLA PAROLA

Nel corrente anno scolastico verrà data particolare attenzione all’educazione linguistica come competenza di cittadinanza.

Il percorso prende spunto dalla legge per l’insegnamento dell’educazione civica che suggerisce di costruire il curricolo trasversale a partire dalle Indicazioni nazionali del 2012, le quali alla voce “Cittadinanza e Costituzione” individuavano la “lingua italiana” come “primo strumento di comunicazione e di accesso ai saperi...un mezzo decisivo per l’esplorazione del mondo, l'organizzazione del pensiero e per la riflessione sull’esperienza e il sapere dell’umanità”, definendo “la padronanza della lingua italiana”, sempre nel rispetto degli idiomi nativi e delle lingue comunitarie, come “responsabilità di tutti i docenti”. In altre parole, le competenze linguistiche sono normativamente considerate essenziali per l’esercizio della cittadinanza attiva: le prime competenze civiche.

Lingua e cittadinanza formano un binomio inscindibile. Il possesso di adeguate conoscenze linguistiche costituisce, infatti, un requisito indispensabile, senza il quale non è possibile diventare un cittadino consapevole e autonomo. La conoscenza della lingua è difatti alla base per l'esercizio di una cittadinanza che prevede crescita culturale e partecipazione alla vita economica, sociale e democratica del paese. Ciò vuol dire che una efficace educazione linguistica deve lavorare nella direzione di rafforzare gli usi scritti e parlati, produttivi e ricettivi della lingua, attraverso un ampliamento progressivo del lessico e l'acquisizione di capacità espressive funzionali a una sempre più estesa varietà di testo e di contesto.

La costruzione di un percorso verticale interdisciplinare, sviluppato nei tre segmenti formativi e declinato diversamente in base alle diverse età degli studenti, è dedicato alla comprensione del nesso tra lingua e cittadinanza rispondendo così alla trasversalità dell'educazione linguistica che metta in atto il principio di uguaglianza sostanziale previsto dall'articolo 3 della Costituzione e che persegua il miglioramento delle complessive capacità sociosemiotiche e linguistico-culturali di tutti gli studenti.

PAROLE ANIMATE

L’educazione linguistica sarà affiancata da attività di promozione della lettura: questa infatti potenzia la comprensione e la produzione della lingua nella forma sia scritta che orale, oltre ad ampliare il bagaglio conoscitivo e a fungere da moltiplicatore di esperienze, agevolando la capacità di interpretazione della realtà; inoltre sviluppa l’immaginazione, la curiosità, la creatività, le capacità attentive.

Attività e progetti as 2020-2021

PROGETTI DEGLI SCORSI ANNI SCOLASTICI

PROGETTI a.s. 2019-20

Schema progetti a.s. 2019-20

PROGETTI a.s. 2018-19

PROGETTI a.s. 2017-18