ISC BETTI FERMO

Ultimi articoli

Pane e digitale

Il calendario degli incontri rivolti alle famiglie e alla cittadinanza fermana #BETTINFORMA continua con l’appuntamento “Pane e digitale – come la tecnologia sta cambiando il nostro modo di vivere”. Giovedì 20 Febbraio alle ore 17.30 presso MITI l’argomento trattato sarà l’innovazione digitale e l’uso efficace e consapevole delle tecnologie.

La relatrice dell’evento sarà la prof.ssa Laura Ceccacciresponsabile regionale del PNSD per l’USR Marche, con funzione di coordinamento dell’équipe formativa territoriale delle Marche. Attualmente la prof.ssa Cecacci, docente di Italiano e Latino, dottore di ricerca in Sociologia delle Istituzioni, è componente dei Nuclei di Valutazione Esterna delle scuole per l’Invalsi e responsabile regionale del PNSD per l’USR Marche.

Nel corso dell’intervento, che illustrerà le innovazioni introdotte dal Piano Nazionale Scuola Digitale, verrà affrontato il tema dell’impatto della didattica supportata dalle nuove tecnologie sulle competenze e sui livelli di apprendimento degli studenti, nel quadro dell’Evidence Based Education. Verranno inoltre presentate delle risorse pensate per
insegnanti e famiglie utili a promuovere un uso efficace e consapevole del digitale.

Articolo su Cronache fermane del 17 febbraio 2020

Fase provinciale della corsa campestre

Sotto la splendida cornice del campo sportivo Agostini di Ascoli Piceno è andata in scena la finale provinciale della corsa campestre che ha visto la partecipazione dei ragazzi delle scuole medie e superiori della provincia che erano riusciti a qualificarsi nella fase distrettuale.
Un’altra giornata di sport all’aria aperta con agonismo misto a spirito di aggregazione per gli alunni dell’ISC Betti, tutti molto bravi per impegno e partecipazione. Da segnalare con piacere la prestazione di Paolo Borraccini, che, grazie ad un’ottima strategia di gara, è riuscito a diventare Campione Provinciale arrivando al primo posto della categoria cadetti.
Buone anche le performance di Andrelli Giorgia e Di Giacomo Leandro arrivati ad un passo dal podio. 
In attesa di sapere se sarà svolta la Fase Regionale, il prossimo appuntamento è per la Volley S3.

Safer Internet Day

L’11 febbraio ricorre Il Safer Internet Day: giorno finalizzato a far riflettere i ragazzi non solo sull’uso consapevole della Rete, ma sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno nella realizzazione di internet come luogo positivo e sicuro.
Presso la scuola secondaria di I grado Ugo Betti è il momento giusto per parlare, confrontarsi, discutere ancora sul corretto uso degli strumenti digitali.
Ormai da mesi, infatti, gli studenti di tutte le classi sono impegnati nella conoscenza dei “SUPERERRORI del web”, personaggi proposti dalla piattaforma ministeriale www.generazioniconnesse.it attraverso la quale i ragazzi hanno potuto affrontare, divertendosi , gli errori da non compiere quando si è in rete.
Grazie a “super errori” come Chat Woman (che chattava sempre), l’Uomo Taggo (che taggava tutti), il Postato Nero ( che faceva post sconvenienti per mettere in ridicolo gli altri) , Silver Selfie ( narcisista cronico che vive più nel virtuale che nella realtà) ed altri , hanno potuto sciogliere dubbi e approfondire conoscenze che possano aiutare anche gli adulti ad educarsi all’uso consapevole di internet e degli strumenti digitali.

Giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo

In occasione della giornata contro il bullismo ed il cyberbullismo , il 7 febbraio 2020, l’Istituto Ugo Betti ha voluto dedicare del tempo alla prevenzione ed al contrasto dei fenomeni di denigrazione, esclusione e violenza tra i giovani.

I bambini della scuola primaria hanno costruito un super eroe, che rappresenta loro stessi, il quale combatte contro il bullismo con coraggio, “armato” di gentilezza, accoglienza, rispetto e di tanti altri valori emersi dalle sensibili menti degli studenti.

I ragazzi della scuola secondaria hanno dibattuto sul libro/film “Wonder”, con commozione e partecipazione. Infine è stata inaugurata ed istallata nel plesso in via Mario la cassetta della posta per il Bullismo promossa dall’Osservatorio comunale permanente della Città di Fermo. La cassetta, che ha lo scopo di raccogliere segnalazioni provenienti dagli studenti stessi, è stata costruita dalla presidente del consiglio comunale Lorena Massucci e l’inaugurazione è stata presenziata dalla dott.ssa Maria Laura Pozzo, psicologa referente dell’Osservatorio della nostra città, amica dei bambini e degli adolescenti

Esperienze in laboratorio all’ITI Montani

Tra l’istituto Tecnico Tecnologico Montani e la scuola secondaria di I grado Ugo Betti di Fermo sta proseguendo il lungo percorso di didattica laboratoriale (da dicembre 2019 a maggio 2020) che vede gli studenti della scuola media approcciare la scienza e la tecnica attraverso l’esperienza concreta nelle aule dello storico Montani.

I ragazzi di seconda della scuola media Ugo Betti hanno vissuto l’esperienza di laboratorio nel campo della Biologia dal 9 al 13 dicembre 2019, per poi dedicarsi al laboratorio di Chimica dal 17 al 24 gennaio 2020. Durante questa esperienza i ragazzi hanno potuto comprendere, divertendosi, fenomeni come la densità dei corpi tramite un semplice uovo, le reazioni di ossido-riduzione, gli effetti “schiuma gialla” dovuti all’acqua ossigenata ed allo ioduro di potassio, ecc. Le classi prime hanno anch’esse avuto esperienza di microscopi, microrganismi, tessuti e persino di parti anatomiche animali, presso le aule attrezzate dell’indirizzo di biologia.

Nel mese di maggio 2020 le classi terze sperimenteranno i fenomeni elettrici ed elettromagnetici negli incontri presso i laboratori attrezzati dell’indirizzo di elettronica ed elettrotecnica.

Capricci che passione!

Che cos’è un capriccio? Una voglia o idea stravagante o bizzarra, perseguita, sia pure non a lungo, con ostinazione e cocciutaggine. Solitamente lo definiamo come “trasgressione” dei bambini alle regole, con comportamenti sgradevoli ed inadeguati. Ma è davvero così?
Nel pomeriggio di giovedì 6 febbraio, presso la Sala conferenze del MITI, insegnanti e genitori hanno riflettuto con attenzione e partecipazione sui “capricci” dei bambini come tappa dello sviluppo, grazie al coinvolgente e competente intervento della dott.ssa Valentina Minnucci, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale.
Come già evidenziato da Maria Montessori, dietro a quelle che possiamo definire “scenate”, spesso si nasconde un malessere o, meglio, un bisogno insoddisfatto.
E’ un processo naturale, afferma la dott.ssa Minnucci, che avviene quando il bambino sente di aver perso il controllo e vive uno stato di caos, confusione, sconforto, sperimenta i propri punti di forza e di debolezza, vuole fare tutto quello che ha in mente, non conosce, non accetta e non sa ancora esprimere le proprie emozioni.
Non esistono RICETTE per i capricci perché ogni bambino è diverso: le REGOLE sostengono la crescita affettiva dei bambini.
L’ invito rivolto a tutta la platea è stato quello di iniziare a cambiare lo sguardo: è importante dedicare attenzione al bambino e sintonizzarsi più sui suoi bisogni veri e profondi che su quanto afferma di volere.
Saper utilizzare i “no che aiutano a crescere” è una delle sfide più ardue e dei compiti principali delle agenzie educative (scuola e famiglia) che ruotano attorno al bambino, per permettere di regolare e contenere i comportamenti sociali, per avere relazioni con gli altri, per avere fiducia negli adulti di riferimento, per gestire e comprendere le emozioni.
Perché i bambini hanno bisogno di regole? Per CRESCERE!